Prenota ora

aperi (1)
THALASSO SPA
TUTTI I GIORNI
dalle 10.00 alle 20.00
Prenota SPA
APPRODO RESORT
OPEN
24 h
Prenota Resort
APPRODO RESORT
THALASSO SPA
Essere è Benessere
Nato nel 1969, l’Approdo Resort sorge sulle floride rive del lungomare di San Marco di Castellabate. Dopo anni di studi e ricerche, nel 2013 nasce la Thalasso, la spa più innovativa del Sud Italia (fonte Corriere della Sera). Alla tradizione si unisce l’innovazione, dando vita, così, ad un’unica prestigiosa realtà che prende il nome, oggi, di Approdo Resort Thalasso Spa. Una storia lunga quasi mezzo secolo, fedele alle proprie radici ma con uno sguardo proiettato al futuro. Il leitmotiv dell’Approdo Resort Thalasso SPA si concretizza, infatti, in un dovere morale che sente forte: l’accoglienza. Un gesto di cortesia riservato a ciascun ospite; un impegno che nasce ancor prima nella promozione del Cilento, terra di centenari e culla della Dieta Mediterranea, che vede impegnato l’intero staff dell’Approdo Resort Thalasso Spa nella promozione del biological heritage scoperto da Ancel Keys.
APPRODO SHOP
Personalizza il tuo pacchetto benessere
Visita il negozio
BLOG
E’ un progetto site-specific, vengono firmate tutte le camere dell’Hotel Approdo Resort Thalasso SPA con opere d’arte contemporanea appositamente realizzate per questo albergo dai maestri Alfonso Mangone e Emiliano Aiello. Ogni camera è impreziosita di opere d’arte contemporanea. Tavole in legno per il maestro Alfonso Mangone cm 60x200, raffiguranti la mitologia, l’astrologia, il mare del Cilento e nello specifico di San Marco di Castellabate. Mentre il maestro Emiliano Aiello tavole in legno cm 125x125, con i suoi “conflitti” coloratissimi ci riporta in un mondo utopistico ma nella piena realtà della contemporaneità. A curare il progetto Valerio Falcone. Biografia Alfonso Mangone Alfonso Mangone nasce ad Altavilla Silentina il 1 marzo 1958. Nel 1976 si trasferisce a Catanzaro per seguire gli studi presso l’Accademia di Belle Arti, dove segue il corso di pittura del Prof Gianni Pisani. Prosegue gli studi dal 1977, per poi completarli nel 1980, presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze , seguendo il corso di pittura del professore Gustavo Giulietti. La ricerca pittorica di Mangone inizia proprio in questi anni e grazie ad essa l’autore, appena ventenne, si mantiene agli studi ed instaura rapporti di collaborazione ed amicizia con numerosi artisti, intellettuali e critici d’arte, fra i quali Aldo Braibanti, Antonio di Palma, Gianni Pozzi, Carlo Sain, Gino Tarantino, Alvaro Bracaloni ed altri. Quegli anni, ricchi di frequentazioni, lo portano a contatto con diversi artisti stranieri come Kcrista Von Baum e Felicitas Pallat. Negli stessi anni Mangone avvia una intensa attività espositiva in gallerie e spazi pubblici italiani. I numerosi viaggi che Mangone compie in questi anni lo portano a frequentare gli ambienti artistici ed intellettuali di Berlino. Nel 1990 si trasferisce in Olanda, partecipando a diverse mostre nelle maggiori città olandesi: Amsterdam, l’ Aia, Groningen, etc. attirando l’ interesse del mondo culturale olandese. Realizza una serie di mostre presso l’ Istituto Italiano di Cultura di Amsterdam, presentate da Aldo Braibanti, Alfonso Pecoraro Scanio e Barbara Tosi. Oltre ad opere pittoriche, in Olanda, realizza murales in spazi pubblici come: Metropolitane, teatri, discoteche, parchi; murales commissionati da “Stad-Kunst”, “Greenpeace”, “Amnesty International”, nonchè performance con gruppi rock ed installazioni di materiali. Mangone interrompe questa frenetica attività nel 1995, trasferendosi inizialmente a Berlino e ritornando successivamente in Italia. È qui che instaura un rapporto di lavoro con il gruppo multinazionale Heineken Italia, realizzando una serie limitata di bicchieri per Stella Artois ed una collezione di olii ed acrilici su tela, inseriti nei locali “Heineken gree stage”, sparsi su tutto il territorio italiano. BIOGRAFIA Emiliano Aiello nato a Napoli il 03/5/1971 diploma presso il Liceo Artistico di Napoli 88/89 laurea in Architettura con Lode presso la Facoltà Federico II di Napoli 14 dicembre 1999 master Universitario di II livello in “Tecnologia dell’Architettura” Università degli Studi di Roma “La Sapienza” Facoltà di Ingegneria Dipingo manifestamente da 6 anni, ma è come se lo facessi da molto più tempo perché latentemente, anche quando ero impegnato nella mia prima professione, sentivo il bisogno di imprimere sui supporti più disparati (legno, guaina, plexiglas, etc....) la mia visione della vita. Non mi ispiro a nessuno ma mi sento vicino all'espressionismo astratto americano, agli espressionisti tedeschi, alla transavanguardia e a molti altri ancora che hanno fatto della continua ricerca la loro ragione di vita. I miei passi: • 2014 selezionato per una collettiva tenutasi in palazzo Bastogi Firenze (palazzo della Regione Toscana) dal 14 dicembre al 22 gennaio per la XXXII competizione nazionale del Premio Firenze-Europa con il quadro "caos metropolitano" 100x100 mista su tela (con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Comune di Firenze, Città Metropolitana di Firenze, Presidenza del Consiglio dei Ministri, etc....) • 2015 selezionato per una collettiva tenutasi nelle sale del Palazzo S. Lorenzo a Poppi (AR) dal 22 novembre al 22 gennaio organizzata dalla ExpArt studio&gallery di Bibbiena con i quadri "concepiton" e "nutrimento" 70x80 mista su carta • 2015 selezionato per una collettiva tenutasi nella sala convegni dell'hotel Domus Romana in via S. Carlo alle quattro fontane Roma dal 18 dicembre al 6 gennaio organizzata dalla galleria Eudaimonia Event" con il quadro "2di1" 100x100 mista su tela • 2016 selezionato per una collettiva tenutasi nelle sale del Palazzo S. Lorenzo a Poppi (AR) dal 10 aprile al 12 giugno organizzata dalla ExpArt studio&gallery di Bibbiena con il quadro " No flowers and power" 125x125 mista su legno • 2016 selezionato per una collettiva tenutasi nel Mausoleo della Bela Rosin Torino dal 14 al 22 maggio per il CONCORSO INTERNAZIONALE 2016 VI edizione della Biennale Metropoli di Torino con il quadro "vuoi star zitta per favore?" 70x80 mista su legno (con il patrocinio di Regione Piemonte, Città di Torino, Torino Metropoli, etc...) • 2016 selezionato per una collettiva tenutasi nel museo PAN Palazzo delle Arti Napoli organizzata dall’associazione NOTAR ACT con il quadro “da mihi factum...il Notaio una vita di sacrifici” 125x125 mista su legno (con il patrocinio di Regione Campania, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Comune di Napoli, etc...) • 2016 selezionato per una collettiva da tenersi nel Palazzo Fruscione dal 15 ottobre al 20 novembre per la II Edizione della Biennale d’Arte Contemporanea di Salerno con il quadro “the Samaritan” 125x125 mista su legno (con il patrocinio di Comune di Salerno, Editalia Gruppo Istituto Poligrafico E Zecca Dello Stato, Ministero Dell'ambiente E Della Tutela Del Territorio E Del Mare, etc...) • Mia prima personale a partire dal 21 gennaio 2017 per la durata di un mese presso gli spazi espositivi di FORNACE FALCONE per la cultura presenti all’Outlet Cilento di Eboli (in itinere) Biografia Valerio Falcone Giovane imprenditore, già amministratore unico della Falcone Immobiliare Srl, lavora oltre 15 ore al giorno con ritmi computerizzati. Ha fatto della sua passione per l'arte e il design la sua principale fonte di ispirazione. E' considerato il più giovane collezionista d'arte contemporanea in Italia. Tra i suoi amici i più importanti artisti, critici e galleristi in Europa. A Montecorvino Rovella in provincia di Salerno una delle sue tante passioni, l'Azienda Fornace Falcone, famosa in tutto il mondo per la realizzazione di manufatti in terracotta. I suoi prodotti sono presenti nelle ville, nei palazzi e nei siti più importanti. In quest'ultima vengono a lavorare, quotidianamente, artisti da ogni parte del mondo. Da alcuni anni è ideatore e direttore artistico del PAC Porto d'Arte Contemporanea. Da diversi anni promuove importanti eventi culturali.
Festa Patronale San Marco evangelista 25 aprile Alla scoperta della tradizione, il 25 aprile oltre a essere la festa della Repubblica è anche la festa di San Marco evangelista, da cui prende il nome questa piccola frazione del comune di castellabate. Nella giornata dedicata al Santo Patrono, l’omonima frazione di San Marco di Castellabate si dispiega in rievocazioni sospese tra sacro e profano. E’ la suggestiva processione del Santo a mare che rende l’evento davvero emozionante, con un percorso che dalla spiaggia del Pozzillo si spinge sino all’isola di Punta Licosa, perla dell’area marina protetta. In occasione dell’evento, il borgo marinaro si anima di visitatori provenienti da ogni dove, curiosi di assistere ad una festa dai sapori antichi come il palio delle contrade, in ogni occasione del quale si sfidano le sei fazioni che popolavano l’antica Castellabate. Una festa che si spinge fino a sera, con show case musicali live nella piazza antistante la chiesa dedicata al Santo Patrono; ospiti della serata, i Molotov, gruppo popolare irpino e la cantante Mietta. Bancarelle, angoli gastronomici ed esposizione di prodotti d’artigianato locale, completano il ventaglio di attrazioni offerte agli ospiti della manifestazione.
repower palina
Mobilità elettrica
PALINA, colonnina di ricarica
Design, tecnologia, accesso configurabile, display per contenuti multimediali e due prese per la ricarica simultanea dei veicoli, in pubblico PALINA diventa anche strumento di comunicazione e di arredo. Un’esclusiva di Italo Rota e Alessandro Pedretti per Repower. Con la scheda abilitata, l’accesso a PALINA è protetto, sicuro e configurabile. È sufficiente attivarla per offrire un pieno di energia anche ai propri ospiti. Due prese in corrente alternata consentono la ricarica simultanea di due veicoli elettrici, auto o scooter.